Gasolio per autotrazione

Hai bisogno di informazioni o devi fare un ordine?

Gasolio per autotrazione

Il gasolio per autotrazione possiede delle particolari caratteristiche che lo rendono adatto all’utilizzo nel campo dei trasporti.

Per comprendere meglio di cosa si tratta puoi trovare una definizione generica di gasolio qui.

Che cos'è il gasolio per autotrazione?

Il gasolio per autotrazione è il carburante utilizzato per l’alimentazione dei motori a combustione interna ad accessione spontanea, detti motori a ciclo Diesel. 

Si tratta di un prodotto diventato di largo uso in tutti i mezzi di trasporto in quanto le sue caratteristiche garantiscono migliori prestazioni con consumi ridotti e a basso impatto ambientale.

Queste caratteristiche lo rendono particolarmente adatto ai mezzi utilizzati nel settore dei trasporti. 

Gasolio Autotrazione Oristano

I requisiti che questo gasolio deve rispettare sono definiti in Italia dalla normativa UNI EN 590 e in particolare riguardano:

  • Numero di cetano
  • Punto di intorpidimento
  • CFPP
  • Lubricity
Numero di cetano

Il numero di cetano è ciò che influenza l’efficienza del motore, indica infatti la sua capacità di auto-accensione. Maggiore è il numero di cetano, maggiore è la sua capacità di auto-accensione. Oggi il minimo numero di cetano richiesto per il gasolio da autotrazione è 51.

Punto di intorpidimento

Il punto di intorpidimento indica la temperatura alla quale il gasolio inizia a diventare opaco a causa della formazione dei cristalli di paraffina (e dunque inizia a solidificare). 

CFPP

CFPP sta per Cold Filter Plugging Point, ovvero la temperatura alla quale la quantità e la dimensione dei cristalli di paraffina nel gasolio diventa tale da impedirne il passaggio attraverso il filtro e dunque da intasarlo e non rendere più possibile la filtrazione. Fattore che ovviamente impedisce il funzionamento del motore.

Lubricity

Per lubricity si intende il potere lubrificante del gasolio ed è strettamente collegato alla quantità di zolfo contenuto in esso. Lo zolfo è un elemento altamente inquinante, pertanto negli anni grazie alla continua evoluzione tecnologia si è giunti a ridurre drasticamente il contenuto di zolfo nel gasolio, fissato attualmente a 10 ppm (ovvero 10 mg/kg). Tale riduzione però inficia anche sulla capacità lubrificante del gasolio, rendendo necessario l’utilizzo di additivi lubrificanti.

Infine il gasolio per autotrazione, a differenza del gasolio agricolo e del gasolio per riscaldamento, si presenta di colore chiaro, leggermente ambrato e non beneficia di agevolazioni fiscali.

Se vuoi conoscere le altre tipologie di gasolio le trovi qui:

Hai bisogno di altre informazioni?

Invia su WhatsApp